Category Archive: 'Didattica'

Permutazioni con le triadi

Permutazioni ovvero cambiare la sequenza con cui si succedono un certo numero di elementi che in questo caso sono le note di una triade. Il numero delle combinazioni si ottiene con il “fattoriale” del numero degli oggetti ovvero il prodotto dei numeri naturali compresi fra 1 e n (numero degli oggetti), in questo caso parlando […]

Quarte a quattro voci – arpeggi

Gli accordi per quarte a quattro voci generano un’armonia più complessa rispetto a quelli a tre voci. Per disporre di un arpeggio con le stesse note dell’accordo abbassiamo di un’ottava la nota più acuta. In questo modo ne risulterà un arpeggio dall’andamento quasi scalare (scala tetratonica – di quattro note) contenuto in un’ottava e replicabile […]

Connessioni ascendenti e discendenti sul II-V-I

Linee melodiche ascendenti e discendenti su di un II-V-I sviluppato su 2 misure. Queste linee si appoggiano sia a note dell’accordo che a tensioni alternando sempre due note su una corda e una sulla corda successiva, uno schema esecutivo caro a Tim Miller. PDF: https://bit.ly/2G4EXYk

Bill Evans: 7 frasi sul II-V-I minore

Così come per quello maggiore gli accordi in un II V I in minore rappresentano rispettivamente la preparazione della tensione, la tensione e la risoluzione che avviene ovviamente in minore. Al di là delle scale che è possibile considerare nella generazione di questi accordi nel jazz si utilizzano diverse sostituzioni modali sui tre accordi, maggiormente […]

Chet Baker on II-V-I

https://youtu.be/4dfqyARaQjIIl II-V-I è una cadenza fondamentale su cui ogni jazzista deve saper costruire i propri fraseggi. Per questo è utile l’esempio dei grandi che sintetizzano con grande qualità le loro soluzioni melodiche e ci forniscono un’ispirazione costante. In questo caso posiamo la nostra attenzione sulla tromba di Chet Baker dal grande istinto melodico e lirico. […]

Trasposizione simmetrica di intervalli e triadi per tritono

Le linee risultanti possono essere inquadrate principalmente nelle scale simmetriche diminuita ed esatonale e funzionano su un accordo di G7. Alcune soluzioni funzionano anche un semitono sopra (quelle sulla scala diminuita). Gli intervalli più ampi (oltre il tritono) sono riconducibili a quelli più stretti suonati nell verso opposto, ad es. trasponendo per tritono l’intervallo di […]

Segui

Inserisci la tua mail per ricevere gli aggiornamenti sui nuovi post