Category Archive: 'Trascrizioni'

Consigli jazz

Affiancare allo studio tecnico un momento teso a sviluppare la creatività scrivendo fraseggi, assoli e composizioni proprie. Avere una personalità musicale riconoscibile è l’obiettivo finale di ogni musicista. Sviluppare l’ear training esercitandosi continuamente su intervalli, arpeggi, modi e trascrizione di armonie e melodie. Se si arriva a sentire le note si arriverà sicuramente anche a […]

5 Jazz Licks U Must Know

Per condensare in cinque soli lick un patrimonio di fraseggio che specialmente nel jazz è condiviso da tutti gli strumenti, ho cercato innanzitutto di rifarmi a grandi nomi del passato e del presente della chitarra jazz e in secondo luogo di prendere come esempio fraseggi sviluppati in differenti situazioni armoniche. Dagli accordi di dominante del […]

George Benson: frase da “That’s Right”

In “That’s Right”, un brano modale alla “So What?”, Benson suona questa interessante linea (1:26) dove inizialmente enfatizza la sesta maggiore caratteristica del modo dorico; suona successivamente sul LA alterato cromaticamente per concludere in REm7 con una serie di intervalli all’interno dei quali riconosciamo un arpeggio di FA settima maggiore. [audio:http://www.stefanomicarelli.it/didattica/wlick/benson/benson.MP3]

Steve Morse: frase da “Good to Go”

Questo lick supersonico (232 di metronomo) è in gran parte plettrato come si addice al caratteristico stile del nostro Steve. L’accordo su cui ha luogo questo lick è un powerchord B5, accordo con un carattere blues, quindi da intendere come B7. Questa frase, ricca di cromatismi che toccano per lo più “blue notes” (3a min, […]

John McLaughlin: frase da “Belo Horizonte”

John McLaughlin suona questa linea nel solo di Belo Horizonte contenuto nell’album “Que Alegria”. L’accordo di riferimento è Eb7. All’interno del modo misolidio di Eb John usa dei cromatismi girano intorno alle note cardine Db, F, Bb. La sonorità che ne risulta ricorda la sonorità della scala diminuita. [audio:http://www.stefanomicarelli.it/didattica/wlick/mclaughlin/mclaug.MP3]

Pat Metheny: frase da “I can see your house from here”

Il brano da cui è tratto il fraseggio ha una struttura ritmica composita con battute di 4/4 e 6/4 che si succedono. L’andamento a quarti è ancora più cadenzato dal basso di Steve Swallow la cui linea di basso asimmetrica crea un ciclo che dà l’impressione di non voler mai risolvere. La scansione 4/4 delle […]

Segui

Inserisci la tua mail per ricevere gli aggiornamenti sui nuovi post